Benvenuto sul sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze, conosciuto anche come Portale mef

Contenuto principale

 

 

La Politica tributaria è attuata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze tramite il Dipartimento delle Finanze (DF), che svolge le funzioni di indirizzo e di regia complessiva del sistema fiscale nazionale, e le Agenzie fiscali (AF), che svolgono attività a carattere tecnico-operativo riguardanti la gestione operativa dei tributi e i rapporti con i contribuenti. La politica tributaria si occupa delle attività di indirizzo e regolazione del sistema fiscale nazionale attraverso la definizione degli interventi in materia tributaria, l’elaborazione dei provvedimenti che garantiscono l’applicazione, il coordinamento della tassazione fra i diversi livelli di governo, la governance del sistema della fiscalità.

 

Sistema della fiscalità

La gestione della Politica tributaria è assicurata dai soggetti che compongono la c.d. Amministrazione finanziaria e che intervengono, a diverso titolo, nella regolazione dei molteplici aspetti della fiscalità nazionale e locale. In particolare:

  • nella gestione della fiscalità nazionale (che comprende la produzione delle norme tributarie e la valutazione degli impatti economico-finanziari, il coordinamento della attività delle Agenzie e la responsabilità del sistema informativo della fiscalità);
  • nella definizione delle norme che presiedono alla fiscalità locale;
  • nella cura delle attività in materia di giustizia tributaria (controversie in materia tributaria, ricorsi e contenziosi, gestione delle Commissioni tributarie);
  • nel coordinamento con la fiscalità comunitaria e internazionale (armonizzazione delle legislazioni nazionali, rafforzamento della cooperazione amministrativa tra gli Stati membri).

Tali attività sono presidiate dalla c.d. “Amministrazione finanziaria” composta da quei soggetti che intervengono a diverso titolo nella gestione delle tematiche tributarie (Dipartimento delle Finanze, Agenzie Fiscali, Guardia di Finanza, Agenzia Entrate Riscossione, altri enti della fiscalità, come Sose e Sogei).

Il Ministero dell'Economia e delle Finanze, per razionalizzare e migliorare l’efficienza della macchina fiscale nazionale, ha commissionato all'OCSE e al Fondo monetario internazionale la predisposizione di specifici rapporti sullo stato dell'amministrazione fiscale italiana.

 

Aggiornamenti

Riforma del sistema fiscale (delega fiscale)

La legge n. 23 dell'11 marzo 2014, ha conferito al Governo la delega per la realizzazione di un sistema fiscale più equo, trasparente e orientato alla crescita, da attuare entro il 26 giugno 2015 (legge n 34 del 24 marzo 2015 di conversione del decreto-legge n. 4 del 24 gennaio 2015).

L’obiettivo della riforma fiscale è rispondere alle esigenze di semplificazione, certezza del sistema tributario, tutela dei diritti dei contribuenti e riduzione della pressione tributaria sulle famiglie e le imprese attraverso interventi diretti alla:

  • stima e monitoraggio dell'evasione fiscale;
  • disciplina dell'abuso del diritto ed elusione fiscale;
  • revisione del sistema sanzionatorio, contenzioso tributario e della riscossione degli enti locali;
  • revisione dell'imposizione sui redditi di impresa e di lavoro autonomo e sui redditi soggetti a tassazione separata;
  • disciplina dei giochi pubblici;
  • nuove forme di fiscalità energetica e ambientale.

Decreti attuativi – sulla base della legge di delega fiscale sono stati emanati i seguenti decreti legislativi.

Attività di contrasto all’evasione e all’elusione fiscale

L’evasione fiscale causa distorsioni ed inefficienze al normale funzionamento della concorrenza e del mercato, determina una sottrazione di risorse a danno del bilancio pubblico e comporta una pressione fiscale più elevata per i contribuenti in regola. La strategia di contrasto all’evasione fiscale è diretta da un lato al potenziamento delle iniziative di deterrenza verso i comportamenti evasivi ed elusivi sia all’interno dell’Italia che all’estero e dall’altro a incentivare l’adempimento spontaneo dei contribuenti anche attraverso la digitalizzazione dei servizi. Il Governo presenta, in allegato alla Nota di aggiornamento al DEF il Rapporto sui risultati conseguiti in materia di misure di contrasto all’evasione fiscale e contributiva, con l’obiettivo di quantificare le maggiori entrate provenienti dall’attività di contrasto dell’evasione fiscale da far confluire nell’apposito Fondo per la riduzione della pressione fiscale e la Relazione sull’economia non osservata e sull’evasione fiscale e contributiva, per conoscere la situazione esistente, attraverso la misurazione del tax gap e l’esposizione dei risultati dell’attività di controllo svolta dai diversi organi preposti.

Nell’Atto di indirizzo per il conseguimento degli obiettivi di politica fiscale 2021-2023 (PDF, 563 KB), che determina gli sviluppi della politica fiscale, le linee generali e le finalità della gestione tributaria, il Ministro dell’Economia e delle Finanze ha indicato gli obiettivi chiave del periodo.

Semplificazione tributaria e rapporti con il contribuente

La semplificazione tributaria rappresenta uno dei principali obiettivi dell’azione di Governo, con cui si intende: dare attuazione a quanto previsto all’articolo 6 dello Statuto dei diritti del contribuente; favorire l’elaborazione di un quadro normativo chiaro che consenta di migliorare la comprensibilità delle disposizioni; garantire l’efficacia dell’azione delle pubbliche amministrazioni allineandosi ai migliori standard internazionali (Legiferare meglio); semplificare gli obblighi contabili e dichiarativi dei contribuenti; promuovere un sistema fiscale più equo, trasparente e collaborativo.

 

Approfondimenti

 Riferimenti normativi

  • Decreto Legge n. 144 del 23 settembre 2022 – “Ulteriori misure urgenti in materia di politica energetica nazionale, produttività delle imprese, politiche sociali e per la realizzazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR)” (Decreto "Aiuti ter")
  • Decreto Legge n. 115 del 9 agosto 2022 – “Misure urgenti in materia di energia, emergenza idrica, politiche sociali e industriali” (Decreto “Aiuti bis”) convertito, con modifiche, dalla legge n. 142 del 21 settembre 2022.
  • Decreto legge n. 73 del 21 giugno 2022 – “Misure urgenti in materia di semplificazioni fiscali e di rilascio del nulla osta al lavoro, Tesoreria dello Stato e ulteriori disposizioni finanziarie e sociali” convertito nella legge n. 122 del 4 agosto 2022”
  • Decreto legge n. 50 del 17 maggio 2022 – “Misure urgenti in materia di politiche energetiche nazionali, produttività delle imprese e attrazione degli investimenti, nonché in materia di politiche sociali e di crisi ucraina convertito, con modifiche, dalla legge n. 91 del 15 luglio 2022;
  • Decreto legge n. 36 del 30 aprile 2022 – “Ulteriori misure urgenti per l'attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR)” convertito, con modifiche, dalla legge n. 79 del 29 giugno 2022;
  • Decreto legge n. 21 del 21 marzo 2022 – “Misure urgenti per contrastare gli effetti economici e umanitari della crisi ucraina”, convertito, con modifiche, dalla legge n. 51 del 20 maggio 2022;
  • Decreto legge n. 17 dell’1 marzo 2022 – “Misure urgenti per il contenimento dei costi dell'energia elettrica e del gas naturale, per lo sviluppo delle energie rinnovabili e per il rilancio delle politiche industriali” convertito, con modifiche, dalla legge n. 34 del 27 aprile 2022;
  • Decreto legge n. 228/2021 (“Decreto Milleproroghe”) convertito nella legge 15 del 25 febbraio 2022;
  • Decreto legge n. 13 del 25 febbraio 2022 (Decreto Antifrodi) – “Misure urgenti per il contrasto alle frodi e per la sicurezza nei luoghi di lavoro in materia edilizia, nonché sull'elettricità prodotta da impianti da fonti rinnovabili” confluito nel Decreto Sostegni ter e convertito, con modifiche, dalla legge n. 25 del 28 marzo 2022;
  • Decreto legge n. 4 del 27 gennaio 2022 (Decreto Sostegni-Ter) – “Misure urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori economici, di lavoro, salute e servizi territoriali, connesse all'emergenza da COVID-19, e per il contenimento degli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico” convertito dalla legge n. 25 del 28 marzo 2022;
  • Legge n. 234 del 30 dicembre 2021 (legge di bilancio per il 2022)
 

 

 Archivio

 
Elenco dei Tag. Di seguito sono elencate le parole chiave associate ai contenuti di questa pagina. Selezionando il TAG potrai individuare facilmente altre pagine o argomenti correlati.