Benvenuto sul sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze, conosciuto anche come Portale mef

Contenuto principale

Ministero dell'economia e delle finanzeIMMOBILI: DA OGGI INVIMIT PIENAMENTE OPERATIVA

Comunicato Stampa N° 180 del 11/10/2013

La Banca d’Italia, sentita la Consob, ha autorizzato la società Invimit (Investimenti Immobiliari Italiani), la sgr immobiliare di cui il Ministero dell’economia e delle finanze è unico azionista, alla gestione collettiva del risparmio. Invimit, in anticipo rispetto alle previsioni, è dunque pienamente operativa e lunedì 14 ottobre aprirà gli uffici.
La società, che ha l’obiettivo di valorizzare e dismettere il patrimonio immobiliare pubblico, parte con un capitale sociale di 8 milioni di euro. La sua attività sarà organizzata su un doppio canale: creazione di fondi a gestione diretta di asset pubblici, di enti territoriali e previdenziali, per una proficua amministrazione e messa a reddito degli immobili; istituzione di un ‘fondo di fondi’ a supporto di programmi di valorizzazione promossi dall’Agenzia del Demanio, da enti territoriali e anche da privati, interessati a partecipare alla riqualificazione del patrimonio pubblico.
I primi risultati sono attesi per il 2014 e gli obiettivi saranno contenuti nella legge di stabilità.

Il ministro Saccomanni ha espresso soddisfazione per il completamento in tempi brevi dell’iter che ha portato all’operatività’ della società: "Si è parlato molto in questi anni di cessione del patrimonio immobiliare ma per ottenere risultati servono gli strumenti adatti. Invimit è oggi operativa, un risultato raggiunto in tempi rapidi. Mi aspetto risultati apprezzabili già nel 2014."

L’amministratore delegato della sgr immobiliare, Elisabetta Spitz, ha sottolineato che ‘’da oggi InvImIt può avviare le attività previste dal programma autorizzato, che puntano alla valorizzazione degli asset che saranno conferiti. Siamo fiduciosi che il mercato saprà apprezzare il progetto e coglierne le opportunità di sviluppo’’.
 

Roma 11/10/2013

Cerca nell'archivio dei comunicati