Benvenuto sul sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze, conosciuto anche come Portale mef

Contenuto principale

- Il ministro Visco ha ricevuto oggi il ministro delle Finanze del Regno di Svezia Bosse Ringholm

Comunicato Stampa del 19/12/2000

Roma, 19 dicembre 2000

Il ministro Visco ha ricevuto oggi il ministro delle Finanze del Regno di Svezia Bosse Ringholm

Il ministro del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione economica, Vincenzo Visco, ha ricevuto oggi il ministro delle Finanze del Regno di Svezia, Bosse Ringholm, il quale assume nel primo semestre 2001 la presidenza di turno dei ministri finanziari dell'Unione Europea.

Il ministro Ringholm ha illustrato le priorità della presidenza svedese, che sono pienamente condivise da parte italiana.

In particolare, la presidenza svedese darà priorità all'obiettivo strategico per il nuovo decennio deciso al Consiglio Europeo di Lisbona: trasformare l'Europa nell'"economia basata sulla conoscenza più competitiva e dinamica del mondo, in grado di realizzare una crescita economica sostenibile con nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale".

Rilievo particolare viene attribuito agli obiettivi di accrescere l'occupazione, migliorare la qualità del lavoro, favorire la competitività nel settore produttivo, assicurare una migliore tutela dell'ambiente, promuovere le attività di formazione e quelle per la ricerca e l'innovazione, anche al fine di conseguire una maggiore diffusione delle tecnologie dell'informazione e delle telecomunicazioni. Un ruolo centrale nel processo di indirizzo e coordinamento delle politiche economiche degli Stati membri e delle necessarie riforme strutturali, spetterà ai Capi di Stato e di Governo, in occasione degli appositi vertici che, a partire da quest'anno, si terranno ogni primavera (il primo si terrà a Stoccolma il 23 - 24 marzo 2001).

Per quanto riguarda l'allargamento, in linea con le conclusioni del Consiglio Europeo di Feira, si avvierà nel 2001 il negoziato vero e proprio con i Paesi candidati.

Per quanto riguarda la finanza pubblica, anche la Presidenza svedese considera cruciale una rigorosa applicazione del patto di Stabilità e Crescita e della disciplina di bilancio, come premessa per una crescita durevole e sostenuta dell'economia e dell'occupazione.

In materia di imposizione fiscale, un'attenzione particolare verrà posta dalla Presidenza all'avvio dei contatti con i Paesi terzi, per verificare la loro disponibilità ad adottare in materia di tassazione del risparmio misure equivalenti a quelle che i Quindici hanno concordato nel novembre scorso.

Il ministro Visco ha assicurato il pieno e convinto appoggio dell'Italia alla realizzazione del programma..

19/12/2000

Cerca nell'archivio dei comunicati