Benvenuto sul sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze, conosciuto anche come Portale mef

Contenuto principale

Ministero dell'economia e delle finanzeAssetti organizzativi dei mercati finanziari

Comunicato Stampa del 30/11/1999

Assetti organizzativi dei mercati finanziari

Roma 30 novembre 1999

Si sono riuniti oggi al Ministero del Tesoro, sotto la presidenza del Ministro Amato e alla presenza del sottosegretario Pinza, Presidente del Comitato Piazza Finanziaria Italiana, i rappresentanti delle istituzioni e delle società mercato per esaminare la questione degli assetti organizzativi dei mercati finanziari.

Alla riunione erano presenti: per il Dipartimento del Tesoro il prof. Draghi e il dott. La Via ; per la Banca d'Italia i dott. Bianchi e Pontolillo; per la CONSOB i dott. Bragantini e Macchiati; per l'ABI i Dott. Sella e Zadra; per la Borsa Italiana S.p.A. il prof. Preda; per l'MTS S.p.A. il Prof. Basevi e il dott. Garbi; per l'eMID S.p.A. il dott. Frascarolo, nonché il dott. Loizzo in qualità di segretario del Comitato Piazza Finanziaria Italiana.

Nel corso della riunione sono state esaminate le proposte avanzate al fine di rendere massimamente competitivi nel confronto internazionale la piazza finanziaria e il sistema dei mercati

Tutti i partecipanti hanno condiviso la necessità di integrare sul piano organizzativo e societario le società di supporto al servizio dei mercati attraverso una soluzione unitaria. A tal fine è stato espresso l'auspicio di procedere all'aggregazione, anche mediante eventuale fusione tra la Montetitoli S.p.A., dopo l'apporto del CAT, e la Cassa di compensazione e garanzia con la possibilità di future aggregazioni di altre società di servizio. In particolare la cessione della partecipazione posseduta da Banca d'Italia in Montetitoli sarà accompagnata dalla cessione delle partecipazioni eventualmente detenute dalle società mercato nelle varie società di servizio. In accordo con tutti i partecipanti alla riunione la Borsa Italiana S.p.A. e l'MTS S.p.A. hanno confermato il proprio interesse a partecipare in modo significativo al capitale della società risultante dall'eventuale fusione.

 30/11/1999

Cerca nell'archivio dei comunicati