Benvenuto sul sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze, conosciuto anche come Portale mef

Contenuto principale

- Entrate tributarie: periodo gennaio-marzo 2002

Comunicato Stampa del 11/05/2002

Roma, 11 maggio 2002

Entrate tributarie: periodo gennaio-marzo 2002

Nel periodo gennaio-marzo 2002, le entrate tributarie dello Stato - calcolate secondo il criterio della competenza e dunque le entrate accertate - sono ammontate a 67.008 milioni di euro, in crescita di 1.088 milioni di euro (+1,7%) rispetto allo stesso periodo dell'anno 2001. Nel solo mese di marzo gli incassi sono stati pari a 20.892 milioni di euro in crescita di 1.324 milioni di euro (+6,8%) rispetto al marzo del 2001.

A livello disaggregato, le imposte dirette sono cresciute nel trimestre dell'1,9% e in marzo del 20.4%. L'IRPEF è aumentata di 1.027 milioni di euro (+3,4%) per effetto, da un lato, dell'incremento delle ritenute sui dipendenti non statali cresciute di 2.784 milioni di euro (+11,6%), e dall'altro del calo delle ritenute sui dipendenti statali di 812 milioni di euro e sui lavoratori autonomi di 952 milioni di euro. L'IRPEG è cresciuta di 355 milioni di euro (+66,9%). Risulta, ovviamente, in calo la sostitutiva dei redditi di capitale di 193 milioni di euro (-9,2%) e le altre imposte sostitutive che hanno registrato una diminuzione di 498 milioni di euro (-50,2%).

Quanto alle imposte indirette sono aumentate nel trimestre dell'1,3% mentre sono diminuite in marzo del 2,2%. La crescita dell'IVA di 1.061 milioni di euro (+6,3%), è il risultato dell'incremento della componente sugli scambi interni (+1.356 milioni di euro, pari a +9,8%) - correlabile all'andamento positivo dell'economia reale - e della flessione dell'IVA sulle importazioni (-297 milioni di euro), che ancora risente, in comparazione con lo stesso trimestre dello scorso anno, della crisi che si è registrata nell'autunno del 2001. I proventi del gioco del lotto sono in progresso del 56,1% mentre in diminuzione troviamo le entrate derivanti dalle imposte indirette minori (imposta di registro, imposta di bollo, ecc.). In flessione le imposte sulla produzione e sui consumi, di cui l'imposta principale (l'imposta di fabbricazione sugli oli minerali) diminuisce di 80 milioni di euro (-1,7%).

11/05/2002

Cerca nell'archivio dei comunicati