Benvenuto sul sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze, conosciuto anche come Portale mef

Contenuto principale

- emissione bot al 16 giugno 1997 per 11.250 md.

Comunicato Stampa del 06/06/1997

Roma, 6 giugno 1997

Emissione B.O.T. al 16 giugno 1997

Il Ministero del Tesoro ha disposto per il 16 giugno 1997 una emissione di md. 11.250 di B.O.T. così ripartiti:

importo scadenza gg.

Trimestrali 3.500 15.09.97 91

Semestrali 3.750 15.12.97 182

Annuali 4.000 15.06.98 364

E' da tener presente al riguardo che vengono a scadere B.O.T. per md. 11.750 (md. 3.000 trimestrali, med. 4.250 semestrali e md. 4.500 annuali) di cui med. 10.951 nelle mani degli operatori economici e md. 799 nel portafoglio della Banca d'Italia (md. 130 semestrali e md. 669 annuali).

I B.O.T. sono posti all'asta con il sistema di collocamento dell'asta competitiva e senza l'indicazione del prezzo base.

I prezzi offerti dagli operatori partecipanti alle aste dei B.O.T. trimestrali e semestrali possono variare di un centesimo di lira o multiplo di tale cifra, mentre per i B.O.T. annuali le variazioni dei prezzi offerti possono essere di 5 centesimi o multiplo di tale cifra. L'importo di ciascuna richiesta non può essere inferiore a lire tre miliardi.

Ogni operatore potrà presentare per ciascuna delle tre tranche - oltre alle richieste con indicazione di prezzo - una richiesta senza indicazione di prezzo per un importo non superiore all'ammontare complessivo delle richieste sul comparto competitivo; potrà inoltre presentare un'ulteriore richiesta - sempre senza indicazione di prezzo per un importo pari a 3 miliardi.

Le richieste senza indicazione di prezzo, relative alle tre tranches, verranno regolate al prezzo medio ponderato calcolato sulla base dei prezzi delle rispettiva richieste competitive rimaste aggiudicatarie, maggiorato di 5 centesimi di lira. Tali prezzi verranno resi noti con un comunicato del Ministero del Tesoro da pubblicarsi nella Gazzetta Ufficiale.

Il collocamento dei B.O.T. verrà effettuato nei confronti degli intermediari autorizzati dalla normativa vigente, ai sensi dell'art. 5 del decreto ministeriale 5 dicembre 1996.

In relazione a ciascuna tranche emessa verrà rilasciata una ricevuta di cui all'art. 6 del D.M. 5 dicembre 1996 intestata alla Banca d'Italia "gestione centralizzata".

Le relative richieste di acquisto - con un massimo di tre per ciascuna tranche - dovranno pervenire alla Banca d'Italia, esclusivamente tramite la rete nazionale interbancaria, entro e non oltre le ore 13 del giorno 11 giugno 1997, con l'osservanza delle modalità stabilite negli artt. 8 e 9 del citato D.M. 5 dicembre 1996.

Le richieste non pervenute entro il termine stabilito di volta in volta nei decreti di emissione non vengono prese in considerazione. Eventuali richieste sostitutive di quelle corrispondenti già pervenute sono prese in considerazione solo se giunte entro il termine di cui sopra, ai sensi del suindicato art. 9.

La circolazione dei B.O.T. a fine maggio 1997 era pari a md. 352.750, di cui md. 38.250 trimestrali, md. 96.750 semestrali e md. 217.750 annuali.

06/06/1997

Cerca nell'archivio dei comunicati