Benvenuto sul sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze, conosciuto anche come Portale mef

Contenuto principale

Btp Green, l’impatto ambientale degli interventi finanziati. Premiato con il Climate Bond Awards

Nei primi mesi del 2021, l’Italia ha fatto il suo ingresso nel mercato del debito sovrano collegato alla finanza sostenibile, attraverso i nuovi BTP Green, fornendo un ulteriore impulso alla strategia del nostro Paese per conseguire la neutralità climatica entro il 2050 e raggiungere gli obiettivi dello European Green Deal, all’interno del percorso delineato già da alcuni anni, soprattutto con le linee di azione del Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima.

Questa impostazione è peraltro perfettamente coerente e complementare rispetto ai recenti sviluppi a livello europeo, dove il pacchetto NGEU prevede una quota molto significativa dedicata al finanziamento di spese green, e alle scelte dell’Italia per la presidenza del G20 del 2021 che hanno riportato il tema dei cambiamenti climatici al centro dell’agenda.

La transizione ecologica richiede la trasformazione in senso green delle infrastrutture energetiche e di trasporto e forti investimenti nel patrimonio edilizio e nel settore industriale, per favorirne l’ammodernamento e la sostenibilità. Obiettivi ambiziosi e comuni a tutto il Sistema-Paese, che richiedono risorse e forti sinergie tra pubblico e privato.

In questo quadro, il settore finanziario svolge un ruolo fondamentale, sempre più riconosciuto e apprezzato dagli investitori. Lo dimostra il crescente successo degli strumenti di finanza sostenibile, un mercato nel quale il nostro Paese è già in prima linea, grazie agli ottimi risultati raggiunti dagli emittenti di Green e Social Bond. In particolare, la crescita dei volumi di obbligazioni green emesse nel settore privato evidenzia come questo tipo di titoli stiano diventando rapidamente un segmento importante del mercato obbligazionario italiano.

Il BTP Green 2021 premiato come ‘Sovereign Green Market Pioneer’

L’emissione di BTP Green del 2021 ha vinto il premio ‘Sovereign Green Market Pioneer’ assegnato dall’organizzazione internazionale Climate Bonds Initiative. I premi Climate Bond riconoscono il lavoro svolto e i risultati raggiunti da istituzioni finanziarie e governative che si sono distinte nel settore della finanza sostenibile e nella lotta al cambiamento climatico.

In particolare, spiega l’organizzazione, l’Italia ha contribuito allo sviluppo del mercato della finanza sostenibile con la prima emissione di Btp Green da 8,5 miliardi di euro del marzo 2021, poi seguita da una riapertura per 5 miliardi di euro nel mese di ottobre dello stesso anno, i cui ricavati sono stati utilizzati per diversi settori, fra i quali l’efficienza energetica, la riduzione dell’inquinamento, l’economia circolare e la protezione della diversità ambientale e biologica.

Il #BtpGreen 2021 premiato da Climate Bonds Initiative
 
Questo video incorporato via YouTube utilizza cookie di terze parti. È possibile disattivarne il funzionamento tramite le preferenze cookie del sito.

Il lancio del primo ‘Green bond’ sovrano dell’Italia, coerentemente con la decisione assunta dal nostro Paese con la Legge di Bilancio per il 2020, conferma l’impegno ambientale del nostro Paese e favorisce la partnership tra pubblico e privato per ampliare ulteriormente l'offerta degli strumenti di finanza sostenibile.

Per procedere con il varo delle emissioni Green, il Ministero dell’Economia e delle Finanze a febbraio ha pubblicato il Quadro di riferimento per le emissioni dei nuovi BTP Green, i Titoli di Stato dedicati al finanziamento delle spese per la transizione ecologica del Paese, già preannunciati nelle Linee Guida sulla gestione del debito pubblico 2021. Il documento (Green Bond Framework) è stato presentato dal Direttore del Generale del Tesoro Alessandro Rivera e dal Responsabile della Direzione Debito Pubblico Davide Iacovoni nel corso di una conferenza stampa il 25 febbraio 2021.

Per l’emissione dei titoli di Stato Green è stato istituito un Comitato Interministeriale incaricato di individuare le informazioni circa le spese potenzialmente ammissibili al finanziamento nonché di fornire al MEF tutte le informazioni necessarie per tracciare queste spese ed il loro impatto. Grazie a queste informazioni infatti, con cadenza annuale, verrà reso pubblico un report che illustrerà l’allocazione delle risorse reperite ed i loro effetti rispetti agli obbiettivi di sostenibilità ambientale mediante opportuni indicatori e metriche.

Il Quadro di riferimento sarà aggiornato regolarmente in relazione agli sviluppi del settore, in particolare per quanto riguarda la conformità ad eventuali aggiornamenti dei Green Bond Principles dell’ICMA, alla Tassonomia europea delle attività sostenibili e ai futuri Green Bond Standards dell’Unione europea. Le future versioni del Quadro di riferimento saranno rese pubbliche sul sito web del Ministero dell'Economia e delle Finanze.

Con l'emissione di titoli di Stato Green, l'Italia finanzia le spese statali destinate a contribuire alla realizzazione degli obiettivi ambientali delineati dalla Tassonomia europea delle attività sostenibili: mitigazione dei cambiamenti climatici, adattamento ai cambiamenti climatici, uso sostenibile e protezione delle risorse idriche e dell’ambiente marino, transizione ad un‘economia circolare, prevenzione e controllo dell'inquinamento, protezione, miglioramento e ripristino della biodiversità, degli ecosistemi e dei servizi ambientali.

Inoltre, l'utilizzo dei proventi raccolti tramite le emissioni di titoli Green aiuterà l'Italia a sostenere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 dell’ONU.

Per poter esser considerate eleggibili in linea con quanto previsto dal Quadro di riferimento, le spese devono rientrare in uno dei seguenti Settori Green:

  1. Fonti rinnovabili elettriche e termiche;
  2. Efficienza energetica;
  3. Trasporti;
  4. Prevenzione e controllo dell'inquinamento e economia circolare;
  5. Tutela dell'ambiente e della diversità biologica;
  6. Ricerca.

Dette spese sono ricomprese all’interno del Bilancio dello Stato per un periodo che va dal terzo anno prima a quello successivo all’anno di emissione.

Il dettaglio delle spese connesse alla prima emissione del BTP Green

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze, il 10 settembre, ha reso noto il dettaglio delle spese green sostenute dallo Stato, con positivo impatto ambientale, finanziate tramite i proventi della prima emissione del BTP Green del 3 marzo 2021. Il titolo con scadenza 30 aprile 2045 e tasso nominale annuo pari a 1,50% è stato emesso per un importo di 8,5 miliardi di euro.

Tabella spese green – Prima emissione BTP 2045 del 3 marzo 2021

Il rapporto di Allocazione e Impatto delle emissioni BTP Green del 2021

A maggio 2022, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha pubblicato il Rapporto 2022 di Allocazione e Impatto (2022 BTP Green Allocation and Impact Report) dei proventi netti raccolti tramite le emissioni BTP Green del 2021, che illustra l’assegnazione dei ricavi delle suddette emissioni in aderenza ai criteri enunciati nel “Quadro di Riferimento per l’emissione di titoli di Stato green” e, ove già disponibile, il positivo impatto ambientale degli interventi resi possibili dalle spese green. Viene riportata inoltre un’analisi dettagliata dei programmi e progetti in base alla loro natura finanziaria (agevolazioni fiscali, spese in conto capitale e spese correnti), alla loro ripartizione temporale nel quadriennio 2018–2021 e al loro peso relativo sul totale allocato.

Tabella su Allocazione e Impatto

 Video

Presentazione del nuovo BTP Green
 
Questo video incorporato via YouTube utilizza cookie di terze parti. È possibile disattivarne il funzionamento tramite le preferenze cookie del sito.

 Per saperne di più

 Download

Elenco dei Tag. Di seguito sono elencate le parole chiave associate ai contenuti di questa pagina. Selezionando il TAG potrai individuare facilmente altre pagine o argomenti correlati.