Ti trovi in:

Ministero dell'economia e delle finanzeA giugno 2018 il saldo del settore statale mostra un fabbisogno di 3,2 miliardi

Comunicato Stampa N° 106 del Mon Jul 02 17:26:00 CEST 2018

Nel mese di giugno 2018 il saldo del settore statale si è chiuso, in via provvisoria, con un fabbisogno di 3.200 milioni, con una riduzione di 5.200 milioni rispetto al corrispondente mese dello scorso anno (8.366 milioni), quando furono erogati 4.785 milioni in relazione all’operazione per la tutela del risparmio nel settore creditizio. Il fabbisogno del primo semestre dell’anno in corso si attesta sui 41.200 milioni, in riduzione di 9.200 milioni rispetto a quello registrato nel periodo gennaio-giugno 2017.

Sul sito del Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato è disponibile il dato definitivo del saldo del settore statale del mese di maggio 2018.

Commento
Al netto della citata operazione straordinaria nel settore del credito che ha riguardato le banche venete, il confronto con il fabbisogno del mese di giugno 2017 evidenzia un miglioramento di circa 400 milioni.

Al risultato del mese hanno contribuito effetti di calendario che hanno determinato il parziale slittamento delle rate semestrali dei mutui al mese di luglio, nonché la diversa tempistica di realizzazione di alcuni incassi e pagamenti, con impatto complessivo pressoché neutrale sul saldo.

Nel primo semestre dell’anno in corso il miglioramento del fabbisogno del settore statale è legato alla positiva dinamica degli incassi (+6.800 milioni), in particolare di quelli fiscali (+4.000 milioni), e alla diminuzione dei pagamenti complessivi delle amministrazioni pari a 2.400 milioni, legati alla componente degli interessi sui titoli di Stato.

Roma Mon Jul 02 17:26:00 CEST 2018

Sintesi vocale

Selezionare la funzione "Ascolta il comunicato" per eseguire la sintesi vocale del comunicato stesso. Una seconda selezione della stessa funzione mette in pausa la voce. Selezionare la voce "Ferma la sintesi vocale" per eseguire la funzione di stop del sistema.

Cerca nell'archivio dei comunicati

Esplora