Ministero dell'economia e delle finanzeComunicato congiunto del Ministro dell’Economia e delle Finanze della Repubblica Italiana, Pier Carlo Padoan, e del Ministro delle Finanze e dei Conti pubblici della Repubblica Francese, Michel Sapin

33° Vertice Italia-Francia
8 marzo 2016 - Palazzo Ducale – Venezia

Comunicato Stampa N° 44 del 08/03/2016

In occasione del Vertice Italia - Francia, il Ministro dell'Economia e delle Finanze della Repubblica Italiana, Pier Carlo Padoan, e il Ministro delle Finanze e dei Conti pubblici della Repubblica francese, Michel Sapin, si sono incontrati per definire le priorità ed i principali punti di convergenza tra i due Governi in ambito economico e finanziario.

  1. (Unione Economica e Monetaria) I due Ministri hanno espresso una forte sintonia di vedute in merito alla riforma della governance dell'Unione Europea, al completamento dell'Unione bancaria e dell'UEM ed hanno convenuto di mantenere uno stretto coordinamento nel quadro dei negoziati in corso a Bruxelles. L'analisi di partenza, che essi condividono fortemente, è che il rafforzamento dei meccanismi di governance, operato a livello europeo in seguito alla crisi finanziaria, per quanto importante per contenere gli effetti avversi della crisi, non sia stato in grado di riportare l'economia europea ai livelli di crescita adeguati e di generare sufficienti posti di lavoro; che il processo di aggiustamento sia rimasto asimmetrico, pesando quindi sulla domanda e rendendo ancora più costoso il necessario consolidamento, il che è sub-ottimale dal punto di vista della zona euro nel suo insieme; che occorrerebbe un approccio più coordinato per ottenere migliori risultati. Essi hanno quindi convenuto sulla necessità di una strategia fondata sul rilancio degli investimenti, sulle riforme strutturali e sulla responsabilità delle politiche di bilancio. L'idea di fondo è che il giusto equilibrio tra regole fiscali e flessibilità debba essere garantito e che i Paesi dell'area dell'euro siano portatori di una speciale responsabilità per la piena realizzazione dell'UEM. Il Ministro Padoan e il Ministro Sapin sostengono che la strategia di politica economica comune per l'area dell'euro debba prevedere, nel medio periodo, un rafforzamento delle istituzioni comuni e la realizzazione di una funzione di stabilizzazione ciclica comune e che vadano perseguite iniziative, nell'ambito dei Trattati vigenti, volte ad introdurre forme di mutualizzazione per sostenere la fiducia dei cittadini nel progetto europeo. Tale convinzione deriva dalla condivisa consapevolezza che la realizzazione dell'UEM e il rafforzamento del Mercato Unico siano determinanti per un'Europa più forte.
    Essi ricordano ugualmente l'importanza di un'attuazione rapida ed ambiziosa del Piano d'investimento per l'Europa, fondato su una vera addizionalità dei progetti selezionati nel quadro del Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS) e sul sostegno a dei progetti con un livello di rischio più elevato. I Ministri incoraggiano la BEI a dispiegare altri strumenti innovativi nel quadro della FEIS e a continuare ad utilizzare il margine di manovra di cui dispone per sostenere gli investimenti, la crescita e l'occupazione in Europa. Essi insistono ugualmente sull'importanza di un rafforzamento della cooperazione paneuropea e transfrontaliera, attraverso la realizzazione di progetti comuni, in particolare attraverso le banche nazionali di sviluppo. I Ministri desiderano anche sfruttare tutte le opportunità offerte dal compimento congiunto e coordinato dell'Unione Bancaria, dell'Unione dei mercati dei capitali e del Piano Juncker.
  2. (Unione bancaria) I due Ministri hanno confermato il loro forte sostegno alla creazione di un sistema comune di assicurazione dei depositi (EDIS), che permetterebbe una più completa mutualizzazione del rischio bancario nell'area euro e contribuirebbe ad allentare il legame fra le banche e gli Stati sovrani. Essi hanno anche ribadito che l'attuazione della dichiarazione dell'ECOFIN del 18 dicembre 2013 debba essere considerata fondamentale per la credibilità del Meccanismo Unico di Risoluzione e dell'insieme dell'Unione bancaria, ed hanno sollecitato l'avvio dei negoziati per la messa in atto rapida ed anticipata di un backstop publico comune al Fondo Unico di Risoluzione. In tale ottica, hanno convenuto che l'avanzamento dei negoziati su questi meccanismi di condivisione dei rischi non debba essere condizionato dalla previa approvazione del pacchetto di misure finalizzate alla riduzione del rischio presentate dalla Commissione europea, ma debbano avanzare in parallelo.
  3. (Lotta contro le frodi e l'evasione fiscale). L'Italia e la Francia sono in prima linea nella lotta ai fenomeni di erosione delle basi imponibili e spostamento artificiale dei profitti sia nel contesto internazionale che in quello europeo. I due Ministri hanno pertanto espresso l'auspicio che i risultati del progetto BEPS siano implementati in maniera rapida e uniforme su scala globale, ed hanno confermato il comune sostegno ai principi posti alla base dell'inclusive framework elaborato dall'OCSE, così come il pieno appoggio al pacchetto della Commissione europea contro l'elusione fiscale. Si sono inoltre espressi a favore di una rapida adozione delle proposte di Direttiva contro l'elusione fiscale e sullo scambio automatico delle informazioni del Country by Country Reporting e si sono impegnati a continuare a lavorare congiuntamente al riavvicinamento dei sistemi fiscali in Europa, in particolare al rilancio del dossier per una base imponibile comune societaria europea. Hanno ribadito il loro impegno a continuare a giocare un ruolo di primo piano nell'implementazione dello scambio automatico di informazioni finanziarie a fini fiscali, vigilando nelle sedi politiche e tecniche sull'attuazione del Common Reporting Standard, secondo la tempistica concordata a livello internazionale, ed hanno riaffermato l'importanza della firma da parte di tutte le giurisdizioni, e in particolare delle principali piazze finanziarie, degli strumenti legali multilaterali e bilaterali che consentono l'effettivo scambio. Ancora in tema di trasparenza, hanno confermato il loro pieno e convinto sostegno al lavoro del "Global Forum sulla trasparenza e lo scambio di informazioni" per il monitoraggio del rispetto degli impegni presi in materia di scambio di informazioni automatico e su richiesta.
  4. (Lotta al finanziamento del terrorismo). Infine, i Ministri hanno rinnovato il loro comune impegno al rafforzamento dell'azione europea in materia di lotta al finanziamento del terrorismo e all'adozione di tutte le misure di prevenzione necessarie per proteggere il sistema finanziario dal pericolo di essere utilizzato per fini illegali, in particolare per finanziarie gruppi terroristi o azioni di terrorismo. A questo riguardo, i Ministri salutano il piano d'azione ambizioso recentemente presentato dalla Commissione europea, che deve d'ora in poi essere tradotto in disposizioni legislative, da portare avanti senza indugio. Hanno inoltre convenuto sulla necessità di sviluppare ulteriormente l'azione di contrasto alle infiltrazioni della criminalità nell'economia legale, con l'individuazione dei patrimoni di provenienza illecita, e di intensificare lo scambio di informazioni, di esperienze e buone prassi tra le rispettive autorità competenti, Unità di informazione Finanziaria, Forze di Polizia e Servizi, per individuare le fonti di finanziamento del terrorismo.
Roma 08/03/2016

Sintesi vocale

Selezionare la funzione "Ascolta il comunicato" per eseguire la sintesi vocale del comunicato stesso. Una seconda selezione della stessa funzione mette in pausa la voce. Selezionare la voce "Ferma la sintesi vocale" per eseguire la funzione di stop del sistema.

Ricerca

Esplora