Governo Italiano      Presidenza del Consiglio dei Ministri
Seguici su
Ti trovi in:

Ministero dell'economia e delle finanzeFondazioni bancarie: un Protocollo d’intesa tra il MEF e l'ACRI definisce criteri più stringenti per la gestione finanziaria e la governance

Comunicato Stampa N° 55 del Wed Mar 11 19:12:00 CET 2015

A più di 15 anni dalla legge Ciampi sulle fondazioni bancarie è emersa l’esigenza di una messa a punto dell’impianto normativo con una migliore definizione di alcuni principi generali, in modo da chiarirne la portata applicativa. A questo scopo, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha istituito un tavolo di lavoro, coordinato dal Capo di Gabinetto, Cons. Roberto Garofoli. Il tavolo ha elaborato un Protocollo d’intesa che è stato poi discusso con l’associazione rappresentativa delle fondazioni bancarie, l’ACRI. Il Ministero dell’economia e delle finanze, in qualità di Autorità di vigilanza sulle fondazioni bancarie, interagisce regolarmente con l’ACRI, anche al fine di promuovere la diffusione delle migliori prassi operative tra i soggetti vigilati. La Carta delle Fondazioni, approvata dall’Assemblea dell’Acri il 4 aprile 2012, è un valido esempio in questo senso.
Il Protocollo definisce in modo più analitico della legge i parametri di riferimento cui le fondazioni conformeranno i comportamenti, con l’obiettivo di migliorare le pratiche operative e rendere più solida la governance. Con la sua sottoscrizione le Fondazioni assumono l’impegno di osservare le regole contenute nel Protocollo, inserendole, ove occorra, nei loro statuti.
In particolare, per quanto attiene agli aspetti economici e finanziari, le Fondazioni si impegnano, tra l’altro, a:

  • Diversificare il portafoglio degli impieghi del patrimonio, al fine di contenere la concentrazione del rischio e la dipendenza del risultato della gestione da determinati emittenti, gruppi di imprese, settori di attività e aree geografiche. È previsto un limite quantitativo di un terzo dell’attivo patrimoniale per l’esposizione nei confronti di un singolo soggetto.
  • Evitare, nel rispetto del principio di conservazione del patrimonio, qualunque forma di indebitamento salvo il caso di temporanee e limitate esigenze di liquidità.
  • Non usare contratti e strumenti finanziari derivati salvo che per finalità di copertura o in operazioni in cui non siano presenti rischi di perdite patrimoniali.

Per quanto attiene alla governance, le fondazioni si impegnano, tra l’altro, a:

  • Applicare criteri stringenti per la definizione dei corrispettivi economici dei componenti i propri organi, coerenti con la natura di enti senza scopo di lucro e comunque commisurati all’entità del patrimonio e delle erogazioni. Sono previsti anche limiti quantitativi. Il compenso del Presidente delle fondazioni con patrimonio superiore a un miliardo di euro non potrà superare il tetto massimo di € 240.000. Sono previsti tetti parametrati al patrimonio, per i compensi complessivamente corrisposti a tutti i membri degli organi.
  • Definire limiti alla permanenza in carica dei membri degli organi, assicurando il periodico ricambio degli stessi, così mantenendo un elevato grado di responsabilità nei confronti del territorio.
  • Adottare procedure di nomina dirette ad assicurare la presenza del genere meno rappresentato e valorizzare il possesso di competenze specialistiche che garantiscano adeguati livelli di professionalità dei componenti degli organi.
  • Osservare regole di incompatibilità al fine di assicurare il libero ed indipendente svolgimento delle funzioni degli organi.
  • Conformare l’attività ad un ampio principio di trasparenza, declinato in regole puntuali che assicurino adeguata diffusione delle principali decisioni alla collettività di riferimento.

Il Consiglio dell’ACRI, tenutosi oggi, ha approvato all’unanimità il Protocollo d’intesa.
Il Protocollo sarà firmato dal Ministro dell’Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, e dal Presidente dell’Acri, Giuseppe Guzzetti, a valle delle necessarie delibere di adesione da parte degli Organi delle Associate dell’Acri, che così si impegnano a modificare i loro statuti secondo i contenuti del Protocollo stesso.
La sostanziale riforma portata a termine attraverso il Protocollo sarà discussa in un seminario di approfondimento, che si terrà presso il Ministero dell’economia e delle finanze. Il programma del seminario sarà diffuso nel corso della prossima settimana.
 

Roma Wed Mar 11 19:12:00 CET 2015

Sintesi vocale

Selezionare la funzione "Ascolta il comunicato" per eseguire la sintesi vocale del comunicato stesso. Una seconda selezione della stessa funzione mette in pausa la voce. Selezionare la voce "Ferma la sintesi vocale" per eseguire la funzione di stop del sistema.

Cerca nell'archivio dei comunicati

Esplora