Contenuto principale

Ministero dell'economia e delle finanze44 PAESI PRONTI ALLA RAPIDA IMPLEMENTAZIONE DELLO SCAMBIO AUTOMATICO DI INFORMAZIONI FISCALI. PADOAN, OGGI PIETRA MILIARE PER LA LOTTA ALL’EVASIONE

Comunicato Stampa N° 71 del 19/03/2014

Passi avanti nell’attuazione dello scambio automatico di informazioni fiscali per una più efficace lotta all’evasione internazionale.
Oggi, con una dichiarazione comune, 44 Paesi cosiddetti “early adopters” si sono formalmente impegnati ad implementare secondo un preciso calendario il nuovo standard globale sullo scambio automatico di informazioni finanziarie a fini fiscali, il cosiddetto Common Reporting Standard, approvato dall’OCSE alla fine del gennaio scorso.
Sulla base di tale impegno, questi Paesi concluderanno nei prossimi mesi accordi tra autorità competenti e adotteranno le legislazioni nazionali necessarie per effettuare tale scambio.
Il calendario condiviso dai 44 Paesi prevede che gli intermediari finanziari raccoglieranno le informazioni sia sui conti intrattenuti al 31 dicembre 2015 che su quelli aperti successivamente mentre il primo scambio di informazioni tra autorità fiscali avrà luogo nel 2017.

Il Ministro dell’Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, insieme ai colleghi di Francia, Germania, Regno Unito e Spagna, ha commentato con soddisfazione la dichiarazione del gruppo di Paesi early adopters, che rappresenta un ulteriore importante sviluppo dell’iniziativa lanciata dai G5 nell’aprile 2013 in materia di trasparenza e scambio automatico di informazioni a fini fiscali.

Il Ministro Padoan ha dichiarato:

“La data odierna segna una nuova e significativa pietra miliare nella realizzazione del nuovo standard globale per lo scambio automatico delle informazioni fiscali che porterà ad un cambiamento radicale nella nostra capacità di contrastare e scoraggiare l'evasione fiscale.
I 44 paesi e giurisdizioni che si sono impegnati nell’iniziativa lanciata lo scorso aprile dal G5 per una rapida adozione di tale standard hanno, per la prima volta, annunciato congiuntamente il programma dettagliato per l’attuazione del nuovo standard globale. In base a tale programma, ambizioso ma realistico, le prime informazioni saranno scambiate nel 2017 anche per quanto riguarda conti aperti alla fine del 2015. Questo impegno concreto ai fini di una rapida adozione dello standard globale mostra la nostra determinazione a guidare il passaggio rapido ad un sistema realmente globale che rimuoverà i sicuri rifugi per tutti coloro che cercano di evadere le tasse.
Chiediamo a tutti i centri finanziari di aderire a questo calendario temporale in modo coerente con le proprie responsabilità nel sistema finanziario globale. Auspichiamo una rapida trasposizione nel diritto comunitario del nuovo standard globale, ivi incluse le tempistiche annunciate oggi, entro la fine del 2014.”

La dichiarazione congiunta dei Paesi e delle giurisdizioni che si sono impegnati ad implementare il nuovo standard di scambio automatico di informazioni secondo un calendario dettagliato e condiviso è disponibile sul sito dell’OCSE:
http://www.oecd.org/tax/transparency/JointStatementbyearlyadoptersgroup.pdf
 

***

English version of Italian Finance Minister’s declaration

“Today marks a significant new milestone in the implementation of the new global standard for automatic exchange of tax information which will lead to a step change in our ability to tackle and deter tax evasion. 44 countries and jurisdictions who are committed to the early adoption initiative launched by the G5 last April have, for the first time, jointly announced the detailed timetable for implementation of the new global standard. This timetable, which is ambitious but realistic, will see the first information exchanged in 2017 including in respect of accounts open at the end of 2015. This concrete commitment to early adoption shows our determination to lead a rapid move to a truly global system which will remove the hiding places for tax evaders.
We call on all financial centres to match this timetable consistent with their responsibilities in the global financial system. We look forward to the early implementation of the new global standard into EU law, including the timetables announced today, by the end of 2014.”

Roma 19/03/2014

Sintesi vocale

Selezionare la funzione "Ascolta il comunicato" per eseguire la sintesi vocale del comunicato stesso. Una seconda selezione della stessa funzione mette in pausa la voce. Selezionare la voce "Ferma la sintesi vocale" per eseguire la funzione di stop del sistema.

Cerca nell'archivio dei comunicati