Ti trovi in:

Ministero dell'economia e delle finanzeMisure contro la detenzione illecita di capitali all'estero - Measures against illegal detention of offshore money and assets

Comunicato Stampa del Thu Dec 20 09:00:00 CET 2001

Roma, 20 dicembre 2001

Misure contro la detenzione illecita di capitali all'estero

Il Ministero dell'Economia e delle Finanze comunica che nell'ambito della programmazione delle attività di controllo per il 2002 sarà inserito quale obiettivo specifico il controllo a finalità di contrasto della detenzione illecita di capitali all'estero da parte di contribuenti residenti in Italia.

In particolare, il sopra citato indirizzo programmatico sarà riflesso sia nella direttiva annuale per la Guardia di Finanza, sia nella convenzione con l'Agenzia delle Entrate.

I controlli riguarderanno, in specie:

  1. le società a ristretta base azionaria controllate da soggetti residenti sia in paradisi fiscali sia in Stati esteri tradizionalmente utilizzati per finalità elusive;
  2. i trasferimenti di partecipazioni in società a ristretta base azionaria a favore dei predetti soggetti esteri;
  3. i fenomeni di impiego di capitali illecitamente detenuti all'estero per finanziare - anche mediante il ricorso ad operazioni conduit - società residenti in Italia;
  4. in generale, i fenomeni di estero-vestizione di beni mobili e immobili localizzati nel territorio dello Stato;
  5. i fenomeni di trasferimento della residenza fiscale delle persone fisiche in Stati aventi fiscalità privilegiata.

In quest'ambito, saranno intensificati i controlli di tipo territoriale con opportune indicazioni e direttive volte a rendere più stringenti le attività di identificazione e monitoraggio dei transiti extracomunitari terrestri. La Guardia di finanza metterà in campo tutte le risorse - anche tecniche - a disposizione per intensificare il controllo di detti transiti.

Measures against illegal detention of offshore money and assets

The Ministry of Economics and Finances has announced that the fight against the illegal detention of offshore money and assets by resident tax-payers will become a specific priority in the Ministry's 2002 programme of tax assessments.

The above mentioned aim shall be incorporated in the annual guidelines to the Guardia di Finanza (Tax Police) and in the convention with the Agenzia delle Entrate (Fiscal Revenues Agency).

In particular, the programme of assessments shall include, amongst others, the following areas:

  1. privately-held companies controlled by entities resident in tax havens and in foreign States traditionally used in tax-avoidance schemes.
  2. transfer of participations in privately-held companies to the aforementioned non resident entities.
  3. the use of offshore funds to finance Italian resident companies through conduit or back-to-back transactions.
  4. in general, triangular schemes in which Italian assets are held by residents through offshore entities.
  5. Individuals who moved their tax residence to specified tax havens.

The programme shall also involve an increase of controls aimed at monitoring and identifying terrestrial transits to non-EU neighbouring countries. For these purposes, the Guardia di Finanza will make use of all its human and technical resources that are required to intensify the control of these transits.

Thu Dec 20 09:00:00 CET 2001

Ricerca

Esplora