Ti trovi in:

Padoan inaugura il Milan Fintech District: "Qui l'innovazione crea lavoro"

Roma, 26 settembre 2017 - Con l’obiettivo di favorire lo sviluppo dell’industria finanziaria più innovativa e la crescita delle aziende del settore è nato a Milano il Fintech District, inaugurato oggi dal Ministro dell’economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan, assieme al sindaco Giuseppe Sala. Si tratta della prima area urbana italiana adibita all’operatività delle aziende più avanzate del settore finanziario, che riunisce startup, imprenditori, istituzioni finanziarie, investitori e università che operano nel Fintech. Questo nuova area dell’industria finanziaria promuove processi di digitalizzazione del sistema e adotta tecnologie avanzate per renderlo più efficiente, con applicazioni rivolte soprattutto a nuovi prodotti e servizi finanziari. Al momento sono 32, tra startup e corporate, le realtà che hanno aderito al distretto.

Nel suo intervento il ministro Padoan ha sottolineato che “un adeguato sviluppo del Fintech è elemento di crescita e anche di modernizzazione del settore finanziario del Paese a vantaggio di imprese e cittadini. Il settore presenta ampi margini di sviluppo e opportunità da cogliere per la creazione di valore e di nuova occupazione. Il Fintech district, un ambiente dinamico, efficiente e ricco di risorse qualificate, ben risponde alle esigenze delle start up e delle piccole e medie imprese innovative del comparto. L’iniziativa rappresenta l’ulteriore conferma dell’attrattività di Milano quale polo finanziario europeo”.

Fondato e promosso da SellaLab, la piattaforma di innovazione del Gruppo Banca Sella per startup e aziende corporate, e da Copernico, la piattaforma di spazi di lavoro che promuove lo smart working, il Fintech District ha sede nel nuovo Palazzo S32 (via Filippo Sassetti 32). Si tratta di un hub in cui i principali operatori fintech presenti in Italia avranno la possibilità di lavorare insieme per favorire la nascita di collaborazioni industriali e commerciali, attrarre nuovi investimenti e dare impulso allo sviluppo del settore, sulla scia di altre esperienze già presenti a livello internazionale come Level39 a Londra o Station F a Parigi. A tal fine gli spazi sono dotati di uffici e coworking per consentire ad aziende e startup di localizzarvi stabilmente le attività.

Proprio oggi in un'intervista al Corriere della Sera il professor Fabrizio Pagani, capo della Segreteria tecnica del Ministro Padoan, ha evidenziato come il Distretto sia un tassello di una strategia più ampia per fare del capoluogo lombardo un hub finanziario europeo. Per questo "sono in corso contatti con tutti gli operatori finanziari attivi nella city di Londra che devono assumere delle decisioni in vista della Brexit. È stato formato un Comitato, nel quale sono rappresentati il Comune di Milano e la Regione, oltre ad altre autorità - e lo stesso Ministero dell'Economia e delle Finanze - che segue questi aspetti”. Per sottolineare l’attrattività dell’Italia, Pagani ha anche ricordato che “con la legge di Bilancio 2017 sono stati inseriti sgravi del 50% sulle tasse, per cinque anni, ai professionisti che vengono, o tornano, in Italia a lavorare».

Foto

Inaugurazione del Milan Fintech District in via Filippo Sassetti 32

Per saperne di più

Elenco dei Tag. Di seguito sono elencate le parole chiave associate ai contenuti di questa pagina. Selezionando il TAG potrai individuare facilmente altre pagine o argomenti correlati.

Esplora