Ti trovi in:

Padoan ai Fondi Sovrani: l'Italia è aperta agli investimenti e li sostiene.
Expo 2015, il ministro firma la "Carta di Milano"

Roma, 30 settembre 2015 - "L'Italia è aperta agli investimenti e il governo è impegnato a sostenere chiunque sia interessato a puntare sul futuro del Paese, in particolare gli investitori di lungo termine". Il Ministro dell'Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, si è rivolto così ai rappresentanti dei fondi sovrani, riuniti a Milano in occasione della settima edizione del meeting annuale dell’International Forum of Sovereign Wealth Funds – IFSWF, ospitato dal Fondo Stretegico Italiano (gruppo CDP).

A margine dei lavori del Forum il Ministro Padoan ha firmato la 'Carta di Milano', il 'manifesto' di Expo 2015, volto a sensibilizzare istituzioni e cittadini sul problema della lotta alla denutrizione, alla malnutrizione e agli sprechi e a promuovere l'accesso equo alle risorse naturali preservando l'ambiente. La Carta di Milano, aperta alla firma di tutti i cittadini che vogliono condividere l'impegno per il diritto universale al cibo, è stata sottoscritta da numerosi Capi di Stato e di Governo e da alti rappresentanti delle istituzioni internazionali e sarà consegnata al Segretario Generale dell'ONU, Ban Ki-moon, il 16 ottobre prossimo, in occasione della Giornata Mondiale dell'Alimentazione che sarà celebrata all'Expo.

Nel suo intervento al Forum dei fondi sovrani il ministro ha sottolineato i significativi progressi compiuti dall'Italia per migliore la competitività del sistema. "L'Italia è la quinta economia manifatturiera nel mondo e la seconda in Europa. Le nostre finanze pubbliche – ha sottolineato – sono sane. Le piccole e medie imprese innovative e orientate all'export sono la spina dorsale della nostra economia. Le riforme porteranno benefici a tutte le imprese che operano nel Paese". E ha aggiunto: "Nelle nuove prospettive dell'Italia il capitale privato gioca un ruolo chiave attraverso importanti acquisizioni, la modernizzazione della governance delle aziende, il processo di privatizzazione che è in corso. Uno step importante sarà l'ipo di Poste Italiane a cui seguirà l'Enav". Ricordando i "tre pilastri" su cui si basa la strategia economica del Paese, Padoan ha indicato in primo luogo "la politica di bilancio orientata alla crescita e pienamente rispettosa delle regole europee. La riduzione del carico fiscale è un elemento chiave di questa strategia avviata nel 2014 e che coinvolge il lavoro, le imprese e la casa". Il secondo pilastro è "un programma globale di riforme strutturali" che il governo sta implementando e che interessa, tra l'altro "il mercato del lavoro, il sistema della giustizia, la pubblica amministrazione, il sistema del credito e della finanza". Il terzo pilastro è costituito dal "mix di interventi per migliorare la competitività e attrarre capitali privati". A questo proposito il Ministro ha indicato, tra l'altro, l'iniziativa 'Finanza per la Crescita' volta ad agevolare le imprese, soprattutto le pmi, nell'accesso alle forme di finanziamento alternative al credito bancario e le agevolazioni fiscali sugli investimenti introdotte dal governo.

Padoan si è quindi soffermato sul Piano Juncker, alla cui implementazione l'Italia è fortemente impegnata. Esso, ha precisato "rappresenta una opportunità per gli investitori globali che sono interessati ad investimenti in Europa capaci di generare alto rendimento. Cassa Depositi e Prestiti, che rafforzerà ulteriormente il suo ruolo come banca di sviluppo, può fornire assistenza a questo scopo. L'Europa è un'area a cui tutti gli investitori globali devono guardare con interesse, il luogo in cui le relazioni tra pubblico e privato possono essere le più profittevoli".
Il meeting annuale di IFSWF è stato l'occasione per il ministro di avere incontri bilaterali con i rappresentanti dei Fondi sovrani di Cina, Libia, Singapore, Kuwait e Australia.

Elenco dei Tag. Di seguito sono elencate le parole chiave associate ai contenuti di questa pagina. Selezionando il TAG potrai individuare facilmente altre pagine o argomenti correlati.

Esplora