Ti trovi in:

Privatizzazione Poste Italiane

Padoan, grande successo per la privatizzazione di Poste Italiane SpA

"Quella di Poste Italiane è la più importante operazione di quotazione dell’anno in Europa e sicuramente una delle più importanti di questi anni". Il Ministro dell’Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, non nasconde la sua soddisfazione nel commentare l’esito dell’Offerta Globale di azioni ordinarie di Poste Italiane SpA. L’approdo in borsa del titolo è previsto per martedì 27 ottobre. I risultati dell’Offerta e l’operazione di privatizzazione di Poste Italiane nel suo complesso sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa al Dicastero dell’Economia a cui hanno preso parte, oltre al Ministro, anche il direttore generale del Tesoro, Vincenzo La Via, il capo della segreteria tecnica del ministro, Fabrizio Pagani e il responsabile della Direzione Finanza e Privatizzazioni, Francesco Parlato. Presenti in sala i vertici dell’azienda, la presidente Luisa Todini, e l’amministratore delegato, Francesco Caio. L’Offerta Globale è stata "un grande successo – ha sottolineato il ministro – per l’interesse manifestato da parte dei risparmiatori e degli investitori. La domanda è stata pari a più di tre volte l’offerta". Padoan ha riferito i dati principali dell’operazione: il prezzo di cessione del titolo per i risparmiatori e per gli investitori è stato fissato in 6,75 euro. Il 30% delle azioni è stato destinato ai risparmiatori (compresi i dipendenti dell’azienda) e il 70% agli investitori. Con l’opzione greenshoe, che prevede il collocamento di un ulteriore 10% delle azioni tra gli investitori (i quali hanno 30 giorni per esercitarla a decorrere dal 27 ottobre), l’offerta risulta allocata per il 72,7% agli investitori istituzionali e per il 27,3% all’Offerta pubblica.
Il collocamento in borsa di Poste Italiane, segnala il ministro "segna il rilancio del piano di privatizzazioni che resta un elemento importante della strategia economica del governo e che continuerà nei prossimi mesi con Enav e Fs, tra le altre". In caso di integrale esercizio dell’opzione greenshoe il Tesoro incasserà dalla privatizzazione di Poste Italiane circa 3,4 miliardi di euro, che saranno destinati alla riduzione del debito pubblico, come prevede la legge. "Ma questa operazione – ha aggiunto il Ministro – va ben al di là dei flussi finanziari. E’ una delle riforme strutturali fondamentali per il Paese perché avviene dopo un processo di modernizzazione e di adattamento dell’azienda ad un nuovo contesto nazionale e internazionale. In questo senso considero l’operazione un doppio successo".

I dati

POSTE ITALIANE
L'Offerta Globale

Offerente: Ministero dell'Economia e delle Finanze
Quota del capitale in offerta: 34,7% (38,2% in caso di integrale esercizio della greenshoe)
Valore dell’Offerta: 3,058 miliardi di Euro (3,364 miliardi di euro in caso di integrale esercizio dell’opzione greenshoe)
Prezzo di Offerta: 6,75 Euro
Dimensione: 453 milioni di azioni
Allocazione:
- OPV per Pubblico Indistinto e Dipendenti Poste Italiane: 135,9 milioni di azioni (pari al 30% dell'Offerta)
- Investitori Istituzionali italiani ed esteri: 317,1 milioni di azioni (pari al 70% dell'Offerta)
Opzione greenshoe (ove esercitata, riservata agli istituzionali): 45,3 milioni di azioni
Oversubscription globale: 3,35 volte (3,1 considerando l’opzione greenshoe)

POSTE ITALIANE
L'OPV in sintesi

Quando si è svolta: Dal 12 ottobre 2015 al 22 ottobre 2015
Prezzo definitivo: 6,75 Euro
Richiedenti: 303.536 risparmiatori retail, di cui 26.234 Dipendenti Poste Italiane
Quantità azioni richieste: 387 milioni di azioni
Oversubscription OPV (rispetto alla quantità offerta): 2,85 volte
Quantità assegnata al pubblico: 135,9 milioni di azioni (30% delle azioni richieste)
Bonus Share:
Pubblico Indistinto: 1 azione gratis ogni 20 dopo 12 mesi
Dipendenti: 1 azione gratis ogni 10 dopo 12 mesi

POSTE ITALIANE
L'Offerta Istituzionale in sintesi

Prezzo Istituzionale: 6,75 Euro
Domanda: 1.134 milioni di azioni
Oversubscription (Rispetto alla quantità offerta): 3,6 volte (3,1 considerando l’opzione greenshoe)
Quantità assegnata: 317,1 milioni di azioni (oltre all’opzione greenshoe di 45,3 milioni)

Comunicati ufficiali

23/10/2015 - Conclusa con successo l’offerta globale di azioni ordinarie di Poste Italiane S.p.A. con una domanda pari ad oltre 3 volte l’offerta
09/10/2015 - Lunedì 12 ottobre 2015 parte la privatizzazione di Poste Italiane
11/08/2015 - Poste italiane: presentata a Consob la richiesta per la quotazione
31/07/2015 - Poste italiane: nuovo statuto e nuovi consiglieri oggi in assemblea
03/07/2015 - Confermata entro l’anno la quotazione di Poste Italiane
01/04/2015 - Padoan incontra il vertice di Poste Italiane spa e le banche per la privatizzazione
28/01/2015 - Al MEF vertice sulla privatizzazione delle Poste
16/05/2014 - Approvati definitivamente dal Consiglio dei Ministri i due Dpcm sulla privatizzazione di Poste italiane spa e Enav spa
14/02/2014 - Poste Italiane: per la privatizzazione il MEF seleziona Lazard quale consulente finanziario e lo Studio Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli quale consulente legale

I documenti

In occasione della conferenza stampa di presentazione dei dati sulla conclusione dell’Offerta Globale di vendita di azioni ordinarie di Poste Italiane S.p.A. il Direttore Generale del Tesoro, Vincenzo La Via, ha illustrato i dati salienti dell’operazione.
- La presentazione del Direttore Generale del Tesoro Vincenzo La Via
- Le privatizzazioni (Aree tematiche del sito del Dipartimento del Tesoro)
- DPCM privatizzazione
- La notizia sul sito del Dipartimento del Tesoro

Le foto


  Click sulle immagini per ingrandirle

I tweet

Elenco dei Tag. Di seguito sono elencate le parole chiave associate ai contenuti di questa pagina. Selezionando il TAG potrai individuare facilmente altre pagine o argomenti correlati.

Esplora