Ti trovi in:

Pagamento debiti della PA ai creditori

Aggiornamento del 10 luglio 2017

47,3
MILIARDI

RISORSE FINANZIARIE
RESE DISPONIBILI AGLI ENTI DEBITORI

45,5
MILIARDI

DEBITI DELLA P.A.
PAGATI DAI CREDITORI
 

Gli ultimi aggiornamenti in sintesi

Al 10 luglio 2017 risultano pagati ai creditori 45,5 miliardi, a fronte di un finanziamento complessivo ai debitori di 47,3 miliardi. Rispetto al picco del debito commerciale, stimato dalla Banca d'Italia a fine 2012 in circa 91 miliardi, risulterebbe quindi assorbita dagli enti debitori una somma corrispondente al picco di debito considerato scaduto e in ritardo di pagamento (secondo la Banca d’Italia "poco più della metà" del debito complessivo). Per valutare correttamente lo smaltimento di questo picco, occorre considerare che i debitori vi hanno potuto fare fronte con le proprie risorse ordinarie, oltre che con i finanziamenti del Governo.

Risorse aggiuntive: quante sono e in che misura sono state impiegate?

Le risorse aggiuntive messe a disposizione degli enti debitori alla data del 10 luglio 2017 risultano pari complessivamente a circa 47,3 miliardi di euro. I pagamenti effettuati ai soggetti creditori utilizzando queste risorse aggiuntive sono pari a circa 45,5 miliardi.

Le risorse necessarie alle pubbliche amministrazioni per accelerare il pagamento dei debiti pregressi sono state assicurate dal Governo, attraverso il Ministero dell'Economia e delle Finanze, con diverse modalità:

  • Con risorse finanziarie, anticipate direttamente dal Tesoro ovvero attraverso la Cassa Depositi e Prestiti
  • Con la concessione di spazi di disponibilità finanziaria sul patto di stabilità interno
  • Attraverso l’attribuzione di risorse per accelerare i rimborsi fiscali
  • Attraverso la possibilità per i fornitori di compensare debiti e crediti
  • Assistendo la cessione del credito dalle imprese gli intermediari finanziari con la garanzia dello Stato

Nella tabella sottostante forniamo informazioni sulle risorse messe a disposizione degli Enti debitori e sul valore dei debiti effettivamente pagati grazie agli interventi disposti dai decreti 35 e 102 del 2013, dalla Legge di Stabilità 2014, dal decreto 66 del 2014 e dal decreto 78 del 2015.

PAGAMENTO DEI DEBITI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI MATURATI ENTRO IL 31/12/2014
Valori in milioni di euro

Enti debitori Risorse stanziate Risorse messe a disposizione degli enti debitori Pagamenti effettuati ai creditori
Stato (*) 7.000 5.700 5.780
Regioni e Province autonome 33.189 29.114 28.825
Province e comuni 16.100 12.449 10.807
Importi totali (valori assoluti) 56.289 47.263 45.412
Importi totali (in percentuale delle risorse stanziate o rese disponibili)   84% 96%
(*) Gli importi includono 6.500 milioni stanziati ed erogati per rimborsi fiscali non classificati secondo il tipo di ente debitore (resi disponibili e utilizzati per circa 5.200 milioni).

E’ importante tenere in considerazione alcuni punti:

  • Le somme anticipate dallo Stato agli enti territoriali costituiscono un finanziamento che gli enti sono tenuti a restituire sulla base di un impegno contrattuale. Ciò è essenziale per non favorire gli enti che si sono fortemente indebitati con i loro fornitori rispetto agli enti che hanno pagato in tempi più brevi e sulla base di risorse effettivamente disponibili.
  • In particolare, Regioni e Province autonome devono sottoporre a un tavolo tecnico coordinato dalla Ragioneria Generale dello Stato un piano di pagamenti con il dettaglio dei debiti cui far fronte e le misure legislative e finanziarie che garantiscono il mantenimento dell'impegno alla restituzione del finanziamento, nel rispetto dell’equilibrio dei propri bilanci.
  • Le risorse finanziarie messe a disposizione dallo Stato agli enti debitori si aggiungono alle risorse ordinarie per la gestione delle proprie spese, quindi le risorse aggiuntive costituiscono un ausilio e un acceleratore allo smaltimento del picco di debito scaduto accumulatosi al 31 dicembre 2012 (secondo le stime della Banca d'Italia, "poco più della metà" di 91 miliardi di debito complessivo) e stimato in diminuzione negli anni successivi.

Per saperne di più

Elenco dei Tag. Di seguito sono elencate le parole chiave associate ai contenuti di questa pagina. Selezionando il TAG potrai individuare facilmente altre pagine o argomenti correlati.

Esplora